fbpx

Scoprite quali tipi di piatti in plastica sono lavabili in lavastoviglie

Sapere quali piatti di plastica sono lavabili in lavastoviglie sarebbe molto utile.

Immaginate di decidere di fare una giornata campale. Si confezionano piatti di plastica per servire il pranzo, in quanto sono più sicuri per i pasti all’aperto.

Quando arriva il momento, si va a casa. Già stanco, il pensiero di lavare i piatti non è la prima cosa che mi viene in mente. Tuttavia, qualcuno deve farlo, e nel tuo caso, qualcosa può farlo: la lavastoviglie.

Mettete dentro i piatti lavabili in lavastoviglie, andate a fare una nuotata e rilassatevi un po’. Ma quando il lavaggio è finito e si controllano i piatti, si nota che c’è qualcosa che non va. I piatti di plastica hanno perso la loro forma.

Se vi è già successo e volete evitare che si ripeta, dovete leggere questo post.

Piatti in plastica lavabili in lavastoviglie

platos plásticos lavavajillas

I piatti di plastica sono presenti in quasi tutte le case. Sono ideali per servire il cibo ai nostri bambini, così come per i pasti all’aperto, in quanto sono praticamente indistruttibili.

Quando si lavano in lavastoviglie, è consigliabile posizionarli sopra, il più lontano possibile dalla resistenza. Tuttavia, questo non funziona con tutti i piatti di plastica.

Ciò che accade è che l’apparecchio raggiunge temperature elevate (fino a 80 °C), che alcune materie plastiche non sono in grado di sopportare. Pertanto, è importante sapere se il materiale di cui è composto il piatto può resistere alle alte temperature.

In generale i materiali con cui sono realizzati i piatti in plastica sono lavabili in lavastoviglie:

Polipropilene (PP)

Il polipropilene è una termoplastica di grande durezza e priva di tossine, che viene utilizzata anche in contenitori per alimenti e bevande. Questa plastica ha molte applicazioni, anche nel settore automobilistico.

Essendo termoplastico, diventa malleabile quando raggiunge determinate temperature. Ma non preoccupatevi, questo accade solo a temperature superiori ai 150°C.

Secondo il sistema di codifica della SPI (Society of Plastic Industries), è il numero 5. Questo sistema classifica i tipi di resina o plastica utilizzati negli imballaggi o nelle stoviglie. Il numero 5 si trova all’interno di un triangolo inscritto sul fondo del prodotto.

Policarbonato (PC)

Il policarbonato è un gruppo di materiali termoplastici con un alto grado di rigidità e un’elevata resistenza alle alte temperature. Viene utilizzato nella fabbricazione di piatti, stoviglie, bottiglie d’acqua, ecc. Questa plastica si trova anche nei CD e in molti altri prodotti.

Può resistere fino a 125 °C, quindi le stoviglie in questo materiale possono essere messe in lavastoviglie senza problemi. Resiste anche alle basse temperature, fino a -135 °C.

Può trasmettere la luce quasi completamente, cioè è una plastica trasparente. Questo, insieme alla sua elevata rigidità, lo rende una valida alternativa al vetro. Naturalmente, la trasparenza può essere graduata a seconda del produttore, ci sono piastre in policarbonato che non sono trasparenti.

Resina melamminica (MF)

La melamina è un composto organico e, se combinato con la formaldeide, produce resina melamminica. È resistente alle alte temperature ed è persino autoestinguente (smette di bruciare quando la fonte del fuoco viene rimossa). Di solito viene utilizzato nella fabbricazione di stoviglie, ma lo si può trovare anche in ardesia, piastrelle, mobili, ecc.

La resina melamminica è una plastica termostabile. Le plastiche termoindurenti sono malleabili a media temperatura quando vengono sintetizzate. Ma quando si raffreddano acquisiscono una struttura fissa. Anche se li sottoponete a temperature elevate, non diventeranno malleabili.

La resina melamminica è rigida, con una buona resistenza all’abrasione e alla deformazione sotto carico.

Acrilico (PMMA)

L’acrilico (PMMA) è un termoplastico trasparente, e si può conoscere come “Plexiglas”, il suo nome commerciale. Può resistere ad alte temperature senza sciogliersi, fino a 160°C. Oltre ad essere utilizzato nelle stoviglie, viene utilizzato anche come isolante termico.

Si distingue per la sua trasparenza, infatti è la plastica più trasparente. Lascia passare quasi la stessa quantità di luce del vetro, ma è da 10 a 20 volte più forte del vetro.

L’acrilico è meno resistente al policarbonato (PC), ma ha un’elevata resistenza ai graffi. Infatti, molti “occhiali” antiproiettile sono realizzati in policarbonato e un foglio di superficie in acrilico. Ciò fornisce resistenza e una superficie priva di graffi.

Quali piatti di plastica non si possono mettere in lavastoviglie?

platos no aptos lavavajillas

Tuttavia, non tutti i piatti di plastica sono realizzati con i materiali sopra citati. In particolare le piastre monouso, realizzate con materiali meno resistenti alle alte temperature.

Non si dovrebbero mettere piatti fatti con:

Polietilene tereftalato (PET)

Il PET è un materiale termoplastico con un’elevata resistenza all’usura e alla corrosione. È ampiamente utilizzato nella produzione di tutti i tipi di contenitori per bevande: bottiglie d’acqua, bottiglie di soda, ecc. Anche se viene utilizzato anche nella produzione di stoviglie monouso e nel settore tessile.

Ha una bassa temperatura di transizione vetrosa di circa 75 °C. Cioè, a quella temperatura la plastica diventa malleabile. Quindi, se si mette un piatto fatto di questo materiale in lavastoviglie, perderà la sua forma.

Nel sistema di codifica SPI è identificato dal numero 1. Si nota un 1 all’interno di un triangolo sul fondo di piatti e contenitori in PET.

Polistirolo (PS)

Il polistirolo (PS) è un termoplastico noto anche come polistirolo. Viene utilizzato nella produzione di stoviglie e contenitori usa e getta come: piatti, bicchieri, vassoi, ecc. Le sue applicazioni sono infinite, nella sua forma espansa viene utilizzato come isolante.

Può essere malleabile a temperature comprese tra 85 e 105 °C, a seconda del contenuto di olio minerale. Si sconsiglia quindi di mettere in lavastoviglie qualsiasi piatto realizzato con questo materiale.

È la plastica #6 secondo il sistema di codifica SPI. Quindi, i contenitori e gli altri utensili fatti di questo materiale dovrebbero avere un 6 inscritto alla loro base all’interno di un triangolo.

Tuttavia, alla Monouso abbiamo un ampio catalogo di lastre di plastica riutilizzabili. Sono tutti di alta qualità e non si deformano quando li metti in lavastoviglie.

Quindi, non dimenticate di visitare il nostro catalogo e di controllare tutte le nostre offerte in piatti di plastica adatti alla lavastoviglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASIC DATA PROTECTION INFORMATION

Responsible: Envalia Group, S.L.

Purpose: Gestionar las solicitudes realizadas a través del sitio web, enviar comunicaciones comerciales y, en su caso, compras en línea.

Legitimation: Consentimiento del interesado.

Recipients: Los datos sólo se transmiten a los proveedores que tienen una relación contractual con Monouso.

Rights: Acceso a, Corrección, cancelación, oposición y otros derechos como se explica en la “Información adicional”.

Additional information: You can find additional and detailed information on data protection in our privacy policy