fbpx

Scopri come disinfettare un tampone abrasivo

Monouso cocina
Monouso cocina

Secondo un rapporto dell’Organizzazione dei consumatori e degli utenti, gli assorbenti abrasivi sono una delle principali fonti di batteri in casa. Hanno la capacità di immagazzinare fino al 96% dei batteri, quindi è necessario disinfettare i tamponi per continuare ad utilizzarli in cucina.

All’interno delle raccomandazioni espresse dai membri di questo organismo, è indicato che è ideale lavare ogni settimana i setacci con cloro o candeggina per eliminare i batteri.

Vi esortano anche a cambiare i tamponi per la pulizia della casa ogni tre mesi, in modo da non aspettare che si deteriorino completamente e permettano ai batteri di riprodursi.

Oltre alla candeggina, ci sono diversi metodi domestici per pulire e disinfettare un mop.

Metodi di disinfezione di un tampone abrasivo

Métodos para desinfectar un estropajo

Batteri, muffe e germi sono in grado di riprodursi in qualsiasi spazio, soprattutto se umido come una luffa.

Questi microrganismi mettono a rischio la salute delle persone, per questo motivo è estremamente importante disinfettare i setacciatori ed evitare di trasferirli su oggetti come stoviglie o posate che vengono utilizzati ogni giorno.

Quindi vi lasciamo con sei ingredienti che potete usare per disinfettare la luffa e come dovreste usarli per scegliere quello con i migliori risultati.

Candeggina

La candeggina è un prodotto molto importante per la pulizia e la disinfezione di qualsiasi spazio o di alcuni oggetti, seguendo le precauzioni necessarie come l’uso di guanti per evitare ustioni.

Per disinfettare uno scrubber con la candeggina, pulirlo prima di tutto fino a rimuovere il sapone e la schiuma in eccesso che contiene.

Utilizzare un contenitore di spugna non utilizzato per versare acqua calda e due tappi di liscivia.

Mettete la paletta all’interno del contenitore e lasciatela in ammollo per 15 minuti. Al termine del tempo, toglierlo dal contenitore e lavarlo con abbondante acqua per eliminare le tracce di liscivia.

Limone

Il limone è un ingrediente stellare in cucina per preparare qualsiasi ricetta, rimuovere le macchie di grasso, disinfettare e mantenere la vostra cucina profumata.

Preparare una miscela contenente succo di limone, acqua e due cucchiai di sale. Immergere i pestelli, lasciarli a bagno per 20 minuti e rimuovere il composto con abbondante acqua.

È il metodo ideale per i setacciatori che sono fatti di metallo o filo metallico, hanno componenti metallici o sono di origine naturale. Questo perché il limone pulisce le impurità, la ruggine e il grasso che rimane intrappolato tra i fili della spatola metallica.

Oltre a pulire e a prolungare la sua vita, lascia ai setacciatori un delizioso profumo di limone.

Forno a microonde

È stato scientificamente provato che i microrganismi come i germi e i batteri vengono uccisi dalla presenza di un ambiente con temperature elevate.

Per disinfettare la vostra luffa, mettetela in un contenitore con acqua e riscaldatela per cinque minuti per rimuovere le impurità.

Togliere il contenitore con i guanti per evitare ustioni da acqua calda, svuotare l’acqua in modo che l’acqua contenuta nella spugna sia temperata e si possa lavare.

Quando si riscalda la spugna nel forno a microonde, si avvia un processo in cui la spugna viene sterilizzata dal calore.

Questo metodo elimina germi, muffe e batteri dai setacciatori; tuttavia, questa procedura non può essere applicata ai setacciatori che contengono plastica o metallo all’interno dei loro componenti.

Aceto

L’aceto è un prodotto che sorprende tutti per i molteplici usi che ha nella pulizia.

È in grado di disinfettare, eliminare i cattivi odori, tenere lontane le mosche, dare lucentezza ai vostri pavimenti o ai vostri tavoli e quasi tutte le attività di pulizia che volete fare a casa.

Servire in un recipiente mezzo bicchiere d’acqua, tre cucchiai di sale, mezzo bicchiere di aceto, la luffa e riscaldare nel forno a microonde fino a quando non comincia a bollire.

Togliere con cautela il contenitore dal forno a microonde e lasciare la spugna a bagno per tutta la notte.

Infine, togliere il tampone abrasivo dal contenitore e sciacquarlo con abbondante acqua per rimuovere i resti della miscela.

Lavastoviglie

Per disinfettare uno scrubber con la lavastoviglie, basta metterlo nel cestello superiore e avviare il lavaggio con un’opzione di lavaggio con acqua molto calda.

Al termine del ciclo di lavaggio, utilizzare qualche strumento per rimuovere la spugna che avrà assorbito l’acqua calda ed evitare che possa causare ustioni.

Bicarbonato

Il bicarbonato è un altro articolo molto richiesto dal mercato per i benefici che produce nella pulizia della casa.

Per pulire un tampone abrasivo con questo ingrediente, è necessario versare una miscela di bicarbonato e acqua calda in un contenitore.

Mettere la spugna nella sostanza, lasciarla a bagno fino a quando non si raffredda e rimuovere il liquido con abbondante acqua

Suggerimenti per prendersi cura della vostra luffa e prolungarne la vita

Ora che sapete tutti questi materiali per disinfettare uno scrubber, provateli tutti in modo da poter scegliere quale funziona meglio nella disinfezione ed è più economico.

Nel caso in cui non si disponga di una routine per il lavaggio dei panni, la prima cosa da tenere in considerazione è che, essendo una delle principali fonti di batteri in casa, deve essere tenuta lontana dalle zone in cui si colloca o si prepara il cibo.

Germi e batteri amano gli oggetti che hanno umidità perché è un mezzo ideale per la loro riproduzione e proliferazione

Quindi è l’ideale per mantenere asciutti i vostri setacci quando avete finito di pulire o lavare i piatti, piuttosto che conservarli in spazi chiusi e non ventilati.

Ogni volta che si usa il mop, è importante lavarlo con acqua e sapone per rimuovere i residui di cibo, che genera batteri e attira insetti indesiderati come gli scarafaggi.

Anche se questi consigli ne prolungheranno la durata, a un certo punto dovrete cambiare la vostra luffa. Provate a sostituire i vostri tamponi abrasivi ogni tre mesi, prima che si deteriorino e diventino più suscettibili a germi e batteri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *