fbpx

Rigenerazione alimentare: cos’è e come si fa?

Rigenerazione alimentare: cos’è e come si fa?

La rigenerazione del cibo è un processo molto comune nelle imprese di ristorazione.

Tuttavia, per una persona che non fa parte del settore o ha poca esperienza, la rigenerazione alimentare può risultare un po’ confusa.

Per questo motivo, abbiamo deciso di preparare un articolo speciale dedicato alla rigenerazione e conservazione degli alimenti, dove imparerai tutto quello che devi sapere su questo importante processo per la tua impresa.

Vai avanti, scopri i segreti di un processo che ti aiuterà a migliorare i tempi di servizio e anche a risparmiare un sacco di soldi conservando il cibo nel modo giusto.

Cos’è la rigenerazione e la conservazione del cibo?

Nell’industria della ristorazione c’è necessità urgente di cucinare velocemente e ridurre le perdite di cibo.

Per questo motivo, si usa precuocere il cibo e congelarlo. Questo rallenta il tempo di decomposizione e preserva i componenti di ogni ingrediente.

Il processo di scongelamento controllato degli alimenti, nel settore della ristorazione, è noto come rigenerazione.

Quindi, la rigenerazione degli alimenti non è altro che il processo di scongelamento dei nostri ingredienti, in un ambiente controllato con successivo riscaldamento.

Affinché il cibo non perda nessuna delle sue qualità, si raccomanda che la rigenerazione sia effettuata con procedimenti specifici per questo scopo.

Metodi di rigenerazione degli alimenti

I tre metodi di rigenerazione alimentare più utilizzati sono:

  • Bagnomaria: Questo è il metodo più tradizionale. Per il suo utilizzo si raccomanda di utilizzare sacchetti di plastica, di modo da evitare che il cibo entri in contatto diretto con l’acqua calda.
  • Forno rigenerante: Questo tipo di forno funziona alzando la temperatura del cibo congelato alla temperatura ideale per servirlo ai vostri ospiti. Il processo non è immediato, si fa gradualmente per evitare il proliferare di batteri.
  • Forno combinato: si tratta di un forno che utilizza la potenza del vapore, come un bagnomaria, per rigenerare il cibo. Generalmente non ha pulsanti per controllarlo, quindi richiede la massima attenzione da parte del personale di cucina.
>  Maschere usa e getta: usi, tipi e raccomandazioni

Ora che conosciamo i metodi ideali per la rigenerazione degli alimenti, diamo un’occhiata ai segreti per eseguire il processo correttamente e non danneggiare i tuoi ingredienti.

I segreti per un’efficace rigenerazione e conservazione del cibo

Affinché la rigenerazione del cibo sia perfetta, come speriamo, dobbiamo ascoltare i segreti dei cuochi più esperti. Eccoli qui:

Controllare la temperatura

Uno degli errori che fanno i principianti è quello di optare per la rigenerazione degli alimenti sottoponendo il cibo congelato ad alte temperature.

Così facendo si corre il rischio di bruciare o cuocere troppo il cibo, perdendo sapore, consistenza e le sue caratteristiche di base.

Indipendentemente dal metodo di rigenerazione degli alimenti che si sceglie di utilizzare, idealmente dovrebbe essere un processo lento a una temperatura che non superi i 70˚ C.

Misurare correttamente la temperatura

Il cibo, anche quando sembra perfetto, può essere freddo e sgradevole all’interno. Ricordate, sono stati congelati.

Per evitare che i piatti ti vengano restituiti perché hanno una temperatura sbagliata, è meglio prendere la temperatura all’interno del cibo.

Prima di servire il cibo, bisogna assicurarsi che – per almeno 10 minuti – la temperatura interna sia tra i 60 e i 70˚ C.

Mantenere l’umidità degli alimenti

Quando si rigenera il cibo, si corre il rischio di perdere molta acqua e di lasciarlo secco e poco appetibile per i vostri ospiti.

In questo caso, il vapore è il vostro migliore alleato.

Quando si rigenera il cibo, è necessario controllare la quantità di vapore necessaria affinché le preparazioni siano perfette e succose, come se fossero appena cotte.

Binomio perfetto: temperatura – umidità

La rigenerazione del cibo non dovrebbe mai durare più di due ore, altrimenti il cibo perde le sue caratteristiche più preziose.

Evitare questo tenendo d’occhio l’umidità e la temperatura di rigenerazione è fondamentale.

Per la maggior parte degli alimenti, è necessaria una temperatura di 140˚ C con un’umidità tra il 60 e il 100%. Per i cibi fritti, si raccomanda una temperatura di 160 ˚C senza alcuna cottura al vapore, altrimenti perdono la loro consistenza caratteristica.

Non lasciare che si raffreddino

Il cibo ha una temperatura ideale per essere mangiato, non può essere freddo, né deve bruciare i tuoi commensali.

Seguendo le abitudini di consumo dei tuoi commensali, la rigenerazione degli alimenti deve essere programmata per servirli alla giusta temperatura.

>  Come fare i petardi fatti in casa in modo sicuro

La maggior parte delle macchine speciali per la rigenerazione degli alimenti include una modalità di mantenimento, durante la quale il cibo viene mantenuto a una temperatura di 65˚ C, dandoti la possibilità di servirlo a una temperatura accettabile per il consumo.

Perché usare la rigenerazione degli alimenti nel tuo ristorante?

Oltre a migliorare i tempi di servizio del tuo ristorante, la rigenerazione degli alimenti offre grandi vantaggi per il tuo locale, tra i quali abbiamo:

  • Ampia varietà: il vostro menu non troverà limiti di tempo o di combinazione di cibo. Con la rigenerazione del cibo si potrebbero avere ingredienti freschi, anche fuori stagione.
  • Spreco minimo: utilizzando i metodi di rigenerazione e conservazione del cibo si usa il cibo in modo più efficiente, riducendo al minimo gli sprechi.
  • Sicurezza: Uno dei più grandi incubi di qualsiasi ristoratore è la contaminazione degli alimenti e le sue conseguenze. Con la rigenerazione degli alimenti si evita la proliferazione di microrganismi o batteri.
  • Migliora la produzione: La rigenerazione e la conservazione del cibo permettono all’efficienza del tuo ristorante di andare alle stelle. Gli ordini lasceranno la tua cucina in poco tempo, sempre con la migliore presentazione e gusto.
  • Uso efficiente delle risorse: risorse come il gas e l’elettricità vengono utilizzate in modo più efficace adottando la rigenerazione degli alimenti nel tuo ristorante. In un unico vassoio, è possibile rigenerare diversi alimenti allo stesso tempo.
  • Basso investimento: Il confronto prezzo-beneficio è favorevole quando si guarda alla rigenerazione e alla conservazione degli alimenti, e l’investimento richiesto per optare per qualsiasi sistema di rigenerazione è basso.

Contenitori per congelare il cibo

Come abbiamo già detto, il processo di conservazione per congelamento richiede un imballaggio perfetto per essere conservato correttamente.

Nel nostro negozio online, Monouso, troverete le più svariate opzioni di contenitori di plastica per alimenti, ideali per la conservazione dei vostri alimenti senza alcun rischio e con la resistenza necessaria alle temperature minime.

Oltre ai contenitori, troverai anche i sacchetti sottovuoto ideali per conservare il tuo cibo senza perdere nessuna delle sue caratteristiche, consistenza o sapore.

Per maggiore comodità, con tutti i nostri acquisti ti offriamo il nostro metodo di spedizione veloce e sicuro. Riceverai il tuo acquisto entro 96 ore dalla conferma dell’ordine.

Vieni a trovarci e scopri tutto quello che abbiamo per il tuo ristorante, cucina d’albergo o servizio di catering.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASIC DATA PROTECTION INFORMATION

Responsible: Envalia Group, S.L.

Purpose: Gestionar las solicitudes realizadas a través del sitio web, enviar comunicaciones comerciales y, en su caso, compras en línea.

Legitimation: Consentimiento del interesado.

Recipients: Los datos sólo se transmiten a los proveedores que tienen una relación contractual con Monouso.

Rights: Acceso a, Corrección, cancelación, oposición y otros derechos como se explica en la “Información adicional”.

Additional information: You can find additional and detailed information on data protection in our privacy policy