fbpx Skip to content
Monouso Blog

Monouso supporta i piloti professionisti valenciani

Il pilotaggio valenciano è molto più di uno sport per la comunità che porta il suo nome. Dichiarato Bene Culturale Immateriale, è un gioco che concentra aspetti culturali, sociali, etnografici e linguistici che dimostrano la ricchezza e la tradizione dei suoi abitanti.

Questo sport consiste nel lanciare una palla all’avversario (o agli avversari) con la mano nuda o con piccole protezioni. Si caratterizza per le sue diverse modalità tra cui spiccano: la escala i corda, la galotxa, el raspall e il fronton valenciano. Inoltre, possono essere giocate nella loro versione di gioco diretto (o in campo opposto) e indiretto (o contro un muro).

Sponsorizziamo José Vicente Pérez “Sofurk“, giocatore professionista della pelota valenciana

pilota it

In Monouso ci impegniamo per un modello di vita sostenibile in cui non ci concentriamo solo sui prodotti sostenibili, ma anche sulle persone. Per questo motivo, nel 2020, abbiamo voluto sostenere giovani talenti come José Vicente Pérez Aguilar, il suo soprannome Sofurk, pilota professionista di Valencia, che rappresenta questa idea e cerca di diffondere l’attività fisica come motore di questo stile di vita.

Il giocatore del Club Pilotari Vinalesa e vincitore, tra gli altri trofei, del Campionato Individuale di Escala i Corda 2019 è orgoglioso di far parte di uno degli sport con più tradizione che non smette di conquistare seguaci. “Le persone che vengono a vedere le partite più tardi vogliono giocare”, ha detto con enfasi. Allo stesso tempo, è contento della sponsorizzazione di Monouso, in quanto la considera una buona iniziativa per incoraggiarne la pratica.

La varietà di modalità e stili di gioco lo rende uno stimolo per le nuove generazioni che, come Sofurk, vogliono esplorare altri sport oltre al calcio.

Monouso non ha voluto perdere l’opportunità di sponsorizzare il giocatore, in quanto condivide l’idea che l’esercizio fisico gioca un ruolo fondamentale per vivere in modo sano.

Non perdetevi l’intervista completa nei prossimi post!

josevi pilota it