Coronavirus: cos’è? prevenzione, sintomi e trattamenti

Alla fine delle celebrazioni natalizie, una notizia ha fatto notizia: in Cina sta emergendo un nuovo tipo di coronavirus. Il mondo si trova ad affrontare il rischio di un’infezione globale da parte di un virus letale e altamente contagioso.

Non è la prima volta che il coronavirus appare sui giornali: abbiamo già avuto diverse epidemie di questo virus, alcune più letali e contagiose di altre. Attacca gli esseri umani e gli animali.

Il coronavirus fa parte di una famiglia di virus, scoperta negli anni ’60, e la sua origine non è chiara. A seconda del ceppo, provoca varie malattie, che vanno dal raffreddore alla polmonite grave.

La maggior parte di questi virus non sono pericolosi per gli esseri umani. La medicina è in grado di curarli senza problemi. Si stima che, soprattutto nell’infanzia, la maggior parte della popolazione mondiale contragga una qualche forma di coronavirus.

I focolai epidemici più importanti, verificatisi negli ultimi decenni, sono

SARS-CoV: Nel novembre 2020, in Cina, è stata segnalata la comparsa della Sindrome respiratoria acuta grave (SARS e SARS). Questa malattia è stata causata da un coronavirus e ha causato la morte del 10% degli infetti.

MERS-CoV: È stato l’anno 2020 in cui l’Arabia Saudita è stata colpita da MERS. Questa nuova versione del coronavirus, con alcuni casi attivi, ha causato la morte del 35% della popolazione infetta.

2019nCoV: nel dicembre 2020, la città di Wuhan, in Cina, ha segnalato un nuovo focolaio di coronavirus. In questo caso, il virus si trasmette dall’uomo all’animale e tra gli esseri umani. Sembra che la gravità non sia simile alla SARS e il livello letale non è così alto come il MERS.

Tuttavia, sono stati segnalati diversi decessi e la diffusione comincia ad essere confermata nei paesi di tutto il mondo. La situazione comincia a diventare più delicata e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) chiede la collaborazione di tutti i Paesi per fermare l’epidemia.

Poco meno di un mese dopo la segnalazione dei primi casi, l’OMS ha definito il rischio di contrarre la malattia “molto alto” in Cina e “alto” nel resto del mondo.

Questa classificazione è stata utilizzata dall’OMS per valutare il rischio di infezione durante i focolai di H1N1 2020, Zika 2020 e Ebola 2020.

Al microscopio, la forma del virus assomiglia a una corona, ed è per questo che gli è stato dato il suo ben noto nome: coronavirus.

Cause del coronavirus

cause it

La diffusione iniziale di questo tipo di virus – da umano a umano – è considerata limitata. Tuttavia, l’origine del coronavirus non è nota, sono disponibili solo indicazioni di origine animale.

Dopo le prime epidemie negli animali e più tardi dal primo essere umano, comincia a passare dall’uno all’altro. Come è comune in questo tipo di patologie respiratorie, il veicolo principale è costituito da gocce di saliva.

In questo caso, gli studi indicano che il 2019nCoV proviene da animali. Le prove si stanno rafforzando, poiché le prime segnalazioni di casi confermati sono relative a un mercato nella città di Wuhan, in Cina, dove si vendono animali vivi per il consumo umano.

Studi preliminari di questo tipo di virus suggeriscono che il pipistrello potrebbe essere il fattore scatenante dei primi focolai. Si dice addirittura che i cammelli infettati dai pipistrelli abbiano dato origine alla comparsa del MERS.

Tenendo conto di queste informazioni, la rivista Science China Life Sciences mette gli occhi su un cibo esotico che viene spesso consumato nel gigante asiatico: la zuppa di pipistrello.

Mentre sostengono che un pipistrello, cotto e mangiato, non può infettare nessuno, la manipolazione dell’animale – prima della preparazione della zuppa – comporta un rischio di infezione.

Inoltre, il Journal of Medical Virology ha condotto uno studio sul genoma del virus. Si conclude che il virus potrebbe provenire da serpenti locali, che sono stati identificati come possibile serbatoio del virus. Tuttavia, lo studio non è dichiarato completo.

Sintomi noti di coronavirus

sintomi

I sintomi del coronavirus variano a seconda del tipo e della gravità dell’infezione.

Nelle forme più lievi, i sintomi sono

  • Mal di testa.
  • Infezioni alla gola e dolore.
  • Tosse.
  • Febbre.
  • Secrezioni nasali.
  • disagio generale

Nelle infezioni più gravi, vengono identificati i seguenti sintomi:

  • Tossisci con il catarro.
  • Problemi a respirare.
  • Febbre alta, soprattutto nei casi di polmonite.
  • Dolore al petto quando si tossisce o si respira.

Le infezioni letali tendono a sviluppare malattie cardiache o polmonari, soprattutto nei bambini nei primi anni o negli anziani.

Forme di infezione

infezione

Una volta che il virus passa da un animale a una persona, siamo tutti esposti all’infezione. Tuttavia, i bambini piccoli e gli adulti più anziani sono la popolazione più vulnerabile.

I metodi di infezione sono molto semplici, quindi il motivo di allarme quando si verifica un nuovo focolaio. Le vie di trasmissione più comuni dei coronavirus sono

  • Gocce di saliva espulse da una persona infetta quando parla, tossisce o starnutisce.
  • Essere a stretto contatto con un malato aumenta la possibilità di contagio.
  • Toccare superfici o oggetti utilizzati da una persona infetta
  • Anche la possibilità di contatto attraverso le feci è gestita, tuttavia, è rara.

ABC della prevenzione

abc it

Anche se, come abbiamo detto, è una malattia molto contagiosa, raccomanda l’Unicef:

  • Evitare il contatto con le persone che portano i sintomi.
  • Tieni le mani pulite. Lavare regolarmente con acqua e sapone.
  • Non mettere le mani al naso, alla bocca o toccare il viso senza lavarsi.
  • Usare i fazzoletti quando si tossisce o si starnutisce. Gettate via il fazzoletto e lavatevi immediatamente le mani.
  • Pulire le superfici in casa più spesso del solito. Si raccomanda l’uso di disinfettanti per la casa.
  • Se avete dei sintomi, cercate di non uscire di casa se non vedete un medico.

Trattandosi di una malattia trasmessa per via aerea, si consiglia l’uso di maschere o respiratori per rafforzare le misure di sicurezza personali.

banner it

Se avete dei sintomi, anche se lievi, contattate il centro sanitario più vicino a voi.

Quando si individua la presenza di coronavirus in una località, si raccomanda di limitare gli spostamenti della popolazione e di mettere in quarantena i diretti interessati.

Trattamento e cura per il coronavirus

trattamento

Non esiste un trattamento speciale per il coronavirus. Anche se nelle infezioni lievi la persona infetta migliora da sola, è sempre consigliabile consultare un medico.

I trattamenti regolarmente prescritti per alleviare i sintomi della malattia sono

  • Farmaci contro il malessere generale, tosse, febbre e dolore. Questo tipo di farmaco è usato per il trattamento dei comuni raffreddori.
  • Alleviare la tosse, i problemi respiratori e il mal di gola con trattamenti comuni, come l’uso di umidificatori e bagni caldi.
  • E’ prescritto anche il riposo completo.
  • Bere grandi quantità di liquidi.

Se i sintomi non si attenuano o non peggiorano, tornare immediatamente dal medico.

Passi da seguire in caso di sospetto

passi it

Possono trascorrere fino a 14 giorni tra l’infezione e l’insorgenza. Tuttavia, il 2019nCoV può essere trasmesso anche durante il periodo di incubazione.

Se si sospetta di essere stati infettati dal virus, se si vive con un membro della famiglia con i sintomi, o se si conosce qualcuno con una condizione simile, è necessario chiamare le autorità.

Chiunque abbia dei sospetti deve essere portato in una struttura sanitaria e rimanervi fino a quando l’infezione da coronavirus non sarà esclusa. In ogni caso, saranno i medici a decidere la procedura da seguire.

Sebbene non sia stato rilevato alcun focolaio in Spagna, il Ministero della Salute ha riferito che l’unità di isolamento di Gomez Ulla a Madrid è attrezzata per trattare qualsiasi possibile focolaio della malattia.

Inoltre, l’ospedale Puerta de Hierro, sempre a Madrid, dispone di camere attrezzate per il trattamento e la quarantena di eventuali infezioni.

In questo link potete vedere la mappa interattiva della Johns Hopkins University, Stati Uniti, dove le persone infette sono seguite in tutto il mondo e in tempo reale.

Suggerimenti per proteggersi dal coronavirus

coronavirus it

Per prevenire la diffusione di questo tipo di virus, è necessario adottare misure, soprattutto per rafforzare la protezione della nostra bocca e del nostro naso, la consueta porta d’accesso alla malattia.

Tra le misure raccomandate vi sono l’uso di maschere e respiratori.

Pensando alla sicurezza del vostro personale e della vostra famiglia, vi invitiamo a visitare la sezione delle maschere usa e getta nel nostro negozio online.

Inoltre, abbiamo una sezione di guanti monouso, ideali per proteggere le mani dei vostri familiari, per trattare con persone con sintomi simili, o lavoratori esposti al lavoro con il pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASIC DATA PROTECTION INFORMATION

Responsible: Envalia Group, S.L.

Purpose: Gestionar las solicitudes realizadas a través del sitio web, enviar comunicaciones comerciales y, en su caso, compras en línea.

Legitimation: Consentimiento del interesado.

Recipients: Los datos sólo se transmiten a los proveedores que tienen una relación contractual con Monouso.

Rights: Acceso a, Corrección, cancelación, oposición y otros derechos como se explica en la “Información adicional”.

Additional information: You can find additional and detailed information on data protection in our privacy policy