fbpx

15 consigli per risparmiare energia in un ristorante

Se si fa un elenco dei vantaggi del risparmio energetico in un ristorante, in cima alla lista ci sono sicuramente la riduzione dei costi, l’ottimizzazione dell’usura degli apparecchi elettrici e, naturalmente, la tutela dell’ambiente. I motivi per cui siete interessati a ridurre il consumo di elettricità sono chiari, ma la cosa importante, e di cui parleremo qui, è come farlo. Come risparmiare energia in un ristorante?

Sono già molti i gestori di cucine in tutto il mondo che si sono messi al lavoro per ridurre i costi dell’elettricità, consapevoli dei grandi vantaggi che può portare sia a livello individuale che globale. E sono riusciti a ridurre i costi mensili di un bar semplicemente adottando piccole azioni di risparmio energetico.

Ridurre il consumo di energia elettrica nella vostra attività alberghiera e di ristorazione richiede forza di volontà, ma ridurre di qualche euro la bolletta mensile è più facile di quanto si possa pensare. Per sapere come risparmiare energia elettrica nel vostro ristorante, ecco 15 consigli da applicare oggi stesso per ridurre la vostra prossima bolletta!

Dove si consuma più elettricità nel vostro ristorante?

I ristoranti e i bar consumano il 6% dell’energia totale del settore terziario, che oltre alla ristorazione comprende commercio, turismo, tempo libero, sanità e trasporti. Ma dove viene consumata tutta questa energia nel vostro ristorante? Dove bar e ristoranti consumano più elettricità?

Avete indovinato, il fulcro di spesa più importante è la cucina, precisamente tra la somma degli elettrodomestici dell’area di produzione e le celle frigorifere. Nella maggior parte dei locali (dipende molto dal tipo di attività), il 60% della bolletta elettrica corrisponde a questo, mentre il 30% all’aria condizionata e il resto all’illuminazione e altro.

Sebbene i ristoranti, i bar e gli hotel registrino l’efficienza energetica media più alta nello studio nazionale “9° Indice di Efficienza Energetica nelle PMI”, realizzato dalla Fondazione Gas Natural Fenosa, sono anche un settore con un potenziale di risparmio di oltre il 20%. In altre parole, c’è spazio per realizzare azioni di risparmio energetico nel vostro ristorante su tutti i fronti: contenere le perdite di energia, sfruttare meglio gli elementi naturali e apportare alcuni (o molti) cambiamenti.

I vantaggi del risparmio energetico nel vostro ristorante

Il vostro ristorante sta andando a gonfie vele, ma se decidete di agire per ridurre i costi energetici (a breve e a lungo termine), farete ancora meglio. I vantaggi principali del risparmio energetico nel vostro ristorante sono tre: risparmio sulla bolletta energetica, tutela dell’ambiente e riconoscimento (inter)nazionale.

Inoltre, questi risparmi possono essere la chiave per far quadrare i conti di quella ristrutturazione che state sognando, di quell’estensione delle consegne o dell’assunzione di più personale.

Risparmi sulla bolletta

Tutti i miglioramenti che applicherete per risparmiare energia elettrica si rifletteranno direttamente sui vostri consumi mensili e quindi sulla vostra bolletta: inizierete a pagare meno elettricità ogni mese senza ridurre i servizi o il comfort dell’ambiente.

Attenzione all’ambiente

Risparmiare energia nel vostro ristorante aiuta l’ambiente. Riducendo il consumo di elettricità si riduce il consumo di risorse naturali e quindi si migliora il nostro rapporto con la natura. Riducendo i danni all’ambiente, si producono meno emissioni di gas serra e si riducono i problemi di salute.

Riconoscimento nel circuito

Molti ristoratori come voi stanno prendendo molto sul serio l’idea di limitare al minimo l’impronta di carbonio del loro ristorante. Tanto che esistono già dei premi per i ristoranti più efficienti. Può essere un buon modo per attirare l’attenzione di nuovi clienti che apprezzano lo sforzo e la responsabilità del vostro locale. Noi di Monouso abbiamo creato un’iniziativa simile con i nostri adesivi ecologici premium, in modo che i clienti che utilizzano gli imballaggi sostenibili del nostro negozio possano esporli nei loro locali e informare i loro clienti del loro impegno per l’ambiente.

15 idee per risparmiare energia in un ristorante

Dopo aver individuato i punti in cui si spende di più e i vantaggi che si possono ottenere riducendo il consumo di energia, abbiamo raccolto alcuni suggerimenti su come risparmiare energia nei ristoranti, in modo che possiate notare il cambiamento già dalla prossima bolletta.

#1 Attrezzature per cucine industriali con etichetta energetica

Le celle frigorifere (attive 24 ore su 24), così come i forni, le lavastoviglie e gli altri elementi dell’area di produzione della cucina, più hanno un’etichettatura energetica migliore, meno consumeranno. Non si tratta di rinnovare tutti gli elettrodomestici in una volta sola, ma di tenerne conto nel momento in cui dovrete ritirarli.

Anche se le gamme più costose tendono ad avere l’etichettatura più efficiente, a lungo termine questo gesto potrebbe essere quello che vi farà risparmiare di più (e vi ripagherà). È proprio qui che la bolletta dell’elettricità del vostro locale aumenta, quindi sapete come affrontarla poco alla volta.

#2 Manutenzione regolare di tutte le apparecchiature

Oltre a scegliere gamme più efficienti per i vostri elettrodomestici da cucina, è anche importante che funzionino bene, e per questo è necessario che vengano sottoposti ai relativi controlli periodici. Ad esempio, un problema ai motori della cella frigorifera può riflettersi negativamente sulla bolletta dell’elettricità, così come altri problemi agli elettrodomestici che causano un inutile abuso del consumo di elettricità. E questo si traduce in bollette elettriche elevate.

Controllare che gli impianti elettrici delle cucine dei ristoranti funzionino correttamente, oltre a garantire tranquillità e sicurezza, contribuisce a ridurre i consumi di elettricità.

#3 Disporre la cucina in modo efficiente

Se state pensando di ristrutturare la cucina o se avete la possibilità di modificare la disposizione degli elettrodomestici, scegliete una disposizione in cui le zone di riscaldamento e raffreddamento siano separate.

cosa ne ricavate? Se avete un frigorifero accanto a un forno, quest’ultimo emette calore e quindi il frigorifero dovrà fare uno sforzo supplementare per mantenersi alla giusta temperatura. Lo stesso vale per gli altri elettrodomestici. Ecco perché è utile avere due zone il più possibile differenziate.

#4 Utilizzare contenitori usa e getta

Potete risparmiare qualche lavaggio in lavastoviglie ogni settimana se introducete nelle vostre stoviglie articoli monouso biodegradabili. Ad esempio, vaschette di cartone per gelati e dessert, ciotole per il coperchio libero, bicchieri e boccali di birra per la terrazza (molto più leggeri da trasportare).

#5 Sfruttare al massimo la luce naturale

Lasciamo la cucina e guardiamo all’illuminazione. Non tutti i locali hanno la possibilità di sfruttare la luce che arriva dalla strada, ma se potete sfruttare le risorse naturali di un ristorante, liberate le finestre e fate entrare il sole! Se la luce è bloccata da vinili, tende o mobili, rimuoveteli per farla entrare e mantenete le finestre pulite.

Più luce naturale c’è, meno luce artificiale è necessaria. Inoltre, la luce naturale porta sempre più gioia e riempie gli spazi di un’energia diversa. I vostri clienti vi ringrazieranno per questo.

#6 Cambiate le lampadine con quelle a LED

Sappiamo che non si può fare affidamento sulla luce naturale per tutto il giorno (potrebbe non essere possibile fare a meno della luce artificiale nemmeno per un secondo nel vostro locale), ma potete ridurre i costi passando alle lampadine a LED. È anche possibile includere lampadine LED intelligenti che possono essere accese e spente individualmente in determinati momenti.

Non dimenticate che le opzioni LED emettono molto meno calore rispetto alle lampadine tradizionali (emettono pochissimo calore), quindi in estate non influenzeranno la temperatura della stanza. In questo modo si evita di dover abbassare l’aria condizionata al di sotto del necessario (ogni grado si fa sentire sulla bolletta).

#7 Zone con luci a sensore di movimento

Un’altra idea interessante per risparmiare sull’illuminazione è quella di installare sensori di presenza nei corridoi che portano ai bagni e nei bagni stessi. In questo modo le luci si accendono solo quando sono realmente necessarie e non rimangono accese quando non c’è nessuno in questi spazi.

Queste luci si accendono quando notano un movimento nell’area in cui sono installate e si spengono dopo un tempo variabile che potete programmare. Assicuratevi di regolare gli orari in modo che non siano scomodi per i vostri clienti (non si spengono troppo presto), ma anche che non rimangano accese più del necessario.

#8 Scegliete colori chiari per le pareti e i mobili

Il grande alleato della luce naturale è uno spazio chiaro in cui rifletterla. Potete moltiplicare la sensazione di luminosità se scegliete colori chiari per le pareti, i mobili e il bar.

Conoscete già le tonalità per le quali dovreste optare per il prossimo cambiamento radicale del vostro locale: bianchi, creme, tonalità di ossa e pastelli.

#9 Puntate sulle energie rinnovabili

avete mai pensato di installare pannelli solari? Se questa opzione sostenibile è una possibilità per la vostra attività, non pensateci due volte. L’utilizzo di questo tipo di energia fotovoltaica rinnovabile può farvi risparmiare molto sulle bollette. Come per l’aggiornamento degli elettrodomestici, richiede un investimento iniziale che si ripagherà a medio e lungo termine.

#10 Spegnete tutto ciò che non è necessario: bye bye standby

Tutti gli elettrodomestici collegati ma non accesi consumano una quantità minima di elettricità. Può sembrare una cifra assurda, ma moltiplicata per tutti gli apparecchi che avete e per le ore che passano in standby… alla fine è un bel pizzico che possiamo tagliare dalla bolletta in modo molto semplice. Basta staccare la spina di tutti i dispositivi quando non sono in uso. Un modo pratico per farlo è collegarli alle ciabatte e staccarli quando non servono.

#11 Istruite il vostro team a risparmiare energia

Non lasciare aperto il rubinetto dell’acqua calda, non accendere troppo a lungo un elettrodomestico, staccare la spina degli apparecchi non utilizzati… Ci sono tante piccole cose che dipendono dal vostro team. È fondamentale che il personale che lavora in cucina e in sala si senta parte di questo obiettivo di risparmio energetico per il bene dell’azienda e dell’ambiente. Sta a voi assicurarvi che sappiano cosa possono fare per contribuire e motivarli a farlo.

#12 Chiedete consiglio alla vostra azienda elettrica

È possibile che non abbiate la tariffa migliore per la vostra attività di ristorazione o di ospitalità. Il mondo sta cambiando e potrebbe esserci una tariffa che vi permette di risparmiare di più. Contattate la vostra azienda elettrica per valutare eventuali cambiamenti vantaggiosi.

#13 Regolare la temperatura della stanza

Regolare la temperatura è fondamentale per evitare un consumo eccessivo di energia con i condizionatori per ristoranti. Così come in cucina si deve evitare di sovraccaricare gli apparecchi di raffreddamento perché posizionati in modo errato, nella sala da pranzo si deve controllare l’uso dell’aria condizionata.

È importante utilizzarla correttamente, poiché questo apparecchio può rappresentare fino al 30% della bolletta. Il comfort in sala da pranzo è una delle cose che i commensali apprezzano di più, quindi non si tratta di renderli freddi o caldi, ma di regolare l’aria condizionata in modo saggio e di adottare misure per sopportare la temperatura.

Mettere delle porte doppie per entrare migliora l’isolamento termico della sala. Alzate o abbassate anche di un grado l’aria condizionata generale e fate attenzione alla temperatura di ogni giorno: potreste fare a meno dell’aria condizionata in alcuni momenti della giornata. Sfruttatela al massimo.

Si consiglia di utilizzare la modalità ECO e di impostare la temperatura tra i 20 e i 25 gradi in estate e tra i 20 e i 22 in inverno. Al di sotto di queste temperature, i condizionatori d’aria devono lavorare di più, con un conseguente aumento dei consumi fino all’8%.

#14 Evitare le apparecchiature elettriche..

…quando possibile. È molto difficile trovare alternative a certi apparecchi, ma è possibile che alcuni di essi vengano utilizzati in modo eccessivo. Cercate di smettere di usarne alcuni e di tornare a tecniche più tradizionali.

#15 L’insegna sulla facciata… illuminata?

Se l’insegna sulla facciata del negozio è illuminata, trascorre un numero sufficiente di ore al giorno utilizzando la luce anche dopo la chiusura del negozio. Spegnete l’insegna quando il locale è chiuso: risparmierete sui consumi elettrici e contribuirete a ridurre l’inquinamento luminoso.

avete pensato di cambiare l’insegna? È frequente rinnovare l’arredamento di un locale, anche per quanto riguarda la facciata. Se avete intenzione di apportare delle modifiche, potreste prendere in considerazione delle alternative senza luci e neon.

Sappiamo che alcuni di questi 15 gesti non sono facili, ma è un elenco da tenere a mente per aumentare gradualmente la sostenibilità del vostro ristorante. E allo stesso tempo ridurre la bolletta dell’elettricità.

Alcuni di questi consigli e iniziative su come risparmiare energia in un ristorante richiedono investimenti significativi, ma sono recuperabili in termini di benefici ottenuti. Altri, invece, potete iniziare a metterli in pratica già da oggi: cominciate a non lasciare nulla in stand-by e a regolare la temperatura della stanza. Nel giro di un mese vedrete i risultati. L’obiettivo è che questi piccoli gesti diventino abitudini che voi e il vostro team manterrete a lungo nella vostra attività alberghiera, per poi passare gradualmente a gesti più grandi.

Lascia una risposta

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

INFORMAZIONI DI BASE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

ScopoScopo: Gestionar las solicitudes realizadas a través del sitio web, enviar comunicaciones comerciales y, en su caso, compras en línea.

Diritti: Acceso a, Corrección, cancelación, oposición y otros derechos como se explica en la “Información adicional”.

Destinatari: Los datos sólo se transmiten a los proveedores que tienen una relación contractual con Monouso.

Legittimazione: Consentimiento del interesado.

Responsabile: Envalia Group, S.L.

Informazioni aggiuntive: You can find additional information on data protection in our privacy policy

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.