fbpx

Sacchetti compostabili, in cosa si distinguono dai sacchetti biodegradabili?

Bolsas_Compostables

I sacchetti compostabili sono sulla bocca di tutti, ma non si conoscono le caratteristiche di questi sacchetti, sapresti come differenziarli da quelli biodegradabili?

Quando si parla di buste compostabili, si pensa a una soluzione per l’inquinamento causato dalle buste di plastica. Ma è un’opzione ecologica con caratteristiche molto specifiche, volete conoscerle?

Cos’è un sacchetto compostabile?

Questo tipo di buste sono fatte con risorse vegetali rinnovabili, il che significa che la materia prima delle buste di plastica tradizionali viene convertita in bioplastica.

Questo si traduce in una riduzione esponenziale del processo di biodegradazione: I classici sacchetti di plastica impiegano circa 450 anni per decomporsi naturalmente, mentre quelli compostabili completano questo processo in appena 6 mesi.

Significato di compostabile

Quando si parla del termine compostabile, ci si riferisce al modo in cui la plastica si biodegrada, e la prima cosa da sapere è che non tutte le plastiche hanno lo stesso processo di degradazione.

Un prodotto è compostabile quando può biodegradarsi in condizioni fisiche che di solito non si verificano nell’ambiente naturale, il che significa che la compostabilità è un processo umano.

La realizzazione di questo processo richiede un alto livello di umidità, alte temperature e una significativa presenza di ossigeno. Per capire meglio questo attraverso un esempio, i sacchetti compostabili si degradano alla stessa velocità della materia organica che contengono.

>  A cosa servono i guanti monouso e perché usarli

Differenze tra buste compostabili e biodegradabili

Il processo di degradazione di un sacchetto compostabile è diverso da quello di un sacchetto biodegradabile. La differenza fondamentale è che, a differenza dei sacchetti compostabili, quelli biodegradabili di solito si disintegrano in natura senza la presenza del fattore umano.

È una degradazione risultante da un processo biologico di diversi organismi che ha luogo nelle condizioni naturali dell’ambiente. Per esempio, gli animali e le piante elaborano questi rifiuti in modo autonomo.

Compostabile o biodegradabile è un sinonimo di bioplastica?

Le bioplastiche sono plastiche che, a differenza di quelle prodotte dal petrolio, derivano da fonti rinnovabili di biomassa come grassi, vegetali o oli.

Esiste una vasta gamma di bioplastiche. Per esempio, possono essere fatte da acidi presenti in piante come il mais, o possono provenire da microrganismi.

A questo punto, dobbiamo essere chiari sulla relazione tra il termine bioplastica e compostabile o biodegradabile: la maggior parte delle bioplastiche sono biodegradabili e compostabili, ma questi due attributi non sono necessari per essere considerate bioplastiche.

Proprietà dei sacchetti compostabili

In molte occasioni, siamo reticenti a utilizzare questo tipo di buste credendo che ci porterà una funzionalità peggiore rispetto la plastica di tutta la vita, ma analizzando le proprietà di queste buste, molti pregiudizi possono essere lasciati alle spalle:

  • Flessibilità
  • Resistenza
  • Impermeabilità
  • Tolleranza all’umidità

Oltre a queste proprietà fisiche, i vantaggi in termini sociali dell’uso di sacchetti compostabili sono fondamentali per considerare il loro uso:

  • Sono diventati un grande strumento a favore della consapevolezza ambientale
  • Rappresentano un’alternativa ideale all’uso dei sacchetti di plastica nella nostra vita quotidiana
  • Riducono l’inquinamento ambientale globale e l’inquinamento di punti specifici come strade, spiagge e fiumi
  • Permettono di migliorare gli spazi concreti in termini di salubrità

Come riciclare questo tipo di buste

Una volta che abbiamo deciso di optare per i sacchetti compostabili, dobbiamo assicurarci di effettuare un riciclaggio corretto.

>  Come redattare un buon CV per alberghi e ristorazione

Questo viene effettuato nel contenitore dei rifiuti “solo organico”, quindi il sacchetto diventerà un altro elemento per il compost, un prodotto ottenuto da materiali organici sottoposti a un processo di ossidazione (compostaggio).

Nel caso in cui non abbiamo a disposizione questo tipo di contenitori, dobbiamo smaltire i sacchetti compostabili nei depositi del “resto”, evitando così i bidoni di metallo, carta, plastica o vetro.

Come sono regolati gli imballaggi compostabili?

Esiste uno standard che approva la compostabilità dei diversi imballaggi, un quadro che è definito dai seguenti requisiti:

  1. Controllo della composizione per escludere elementi dannosi per l’ambiente, ad esempio materiali pesanti
  2. Valutazione in cui si controlla se in 6 mesi è degradato al 90%
  3. Stabilimento di una dimensione massima (meno di due metri quadrati)
  4. Determinare se il rifiuto biologico è adatto al compostaggio

Se siete convinti di fare il passo verso le buste compostabili, su Monouso offriamo una vasta gamma di varietà che si adattano alle esigenze di ogni cliente, sia per la loro estetica che per la loro funzionalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASIC DATA PROTECTION INFORMATION

Responsible: Envalia Group, S.L.

Purpose: Gestionar las solicitudes realizadas a través del sitio web, enviar comunicaciones comerciales y, en su caso, compras en línea.

Legitimation: Consentimiento del interesado.

Recipients: Los datos sólo se transmiten a los proveedores que tienen una relación contractual con Monouso.

Rights: Acceso a, Corrección, cancelación, oposición y otros derechos como se explica en la “Información adicional”.

Additional information: You can find additional and detailed information on data protection in our privacy policy