fbpx

Allergie alimentari: cosa sono, tipi, icone e regolamenti

Allergeni alimentari: cosa sono, tipi, icone e normativa

Gli allergeni alimentari sono sostanze presenti in alcuni alimenti che hanno la capacità di generare una reazione incontrollata in alcuni consumatori.

In Spagna la normativa indica l’esistenza di 14 allergeni alimentari, ai quali vengono dati dei simboli per facilitare il loro riconoscimento in qualsiasi confezione di prodotto o menu di ristorante.

Unisciti a noi per scoprire cosa sono questi allergeni alimentari, cosa succede se si consuma uno di loro e i regolamenti che regolano la materia nell’industria alimentare.

Cosa sono gli allergeni alimentari?

Gli allergeni alimentari sono sostanze o componenti del cibo che hanno la capacità di causare reazioni allergiche nel corpo di alcune persone dopo il consumo.

Ci sono persone che possono soffrire di allergie a uno o più alimenti, ma non esiste una cura per eliminarle.

Quindi, per evitare emergenze mediche, è meglio conoscere il tipo di allergene che colpisce, come identificarlo ed evitare di consumarlo.

Quando mangiamo un allergene alimentare, cosa succede nel nostro corpo?

Le reazioni allergiche che si verificano con il consumo di allergeni alimentari sono dovute al fatto che il corpo considera questi alimenti, o alcuni dei loro componenti, come elementi nocivi.

Quando entrano nel sistema digestivo, gli anticorpi cominciano a lavorare e fanno tutto il possibile per eliminarli dal sistema.

Il corpo per eliminare ciò che considera nocivo comincia a rilasciare sostanze come l’istamina, che provoca l’insorgere di sintomi allergici.

E infine, la comparsa di questi sintomi fa scattare il campanello d’allarme per andare al centro medico più vicino per trattare la reazione allergica.

Allergia e intolleranza alimentare sono la stessa cosa?

Le reazioni agli allergeni alimentari e le intolleranze alimentari non sono la stessa cosa, né sono simili.

L’intolleranza alimentare si verifica quando il sistema digestivo non riesce a digerire – completamente o correttamente – un alimento o i suoi componenti.

Anche se l’intolleranza alimentare può causare disagio, raramente è pericolosa per la vita, a differenza delle reazioni allergiche.

Le allergie agli allergeni alimentari devono essere trattate immediatamente. Per questo motivo, i soggetti allergici dovrebbero portare con sé antistaminici quando mangiano fuori per controllare la reazione nella sua fase più lieve.

Se l’antistaminico non porta alcun miglioramento e la reazione peggiora, è meglio andare al centro medico più vicino. Inoltre, dovreste avere a disposizione una siringa e una fiala di epinefrina da applicare se necessario.

Elenco dei 14 allergeni alimentari esistenti

La tabella degli allergeni contiene una lista dei 14 allergeni alimentari riconosciuti dalla legge.

Le reazioni allergiche di ognuno di questi allergeni alimentari sono diverse dalle altre, ma hanno la stessa priorità nel loro trattamento per evitare di arrivare all’anafilassi.

>  Tipi di prodotti chimici per la pulizia, attenzione!

Glutine

Il glutine è una proteina che fa parte dei semi dei cereali come il grano, l’avena, l’orzo, il farro o la segale.

Le persone che hanno reazioni allergiche al glutine non dovrebbero consumare prodotti che indicano che contengono glutine o tracce di esso, per evitare reazioni allergiche che vanno dalle labbra gonfie al soffocamento.

Latte e prodotti lattiero-caseari

Il latte e i suoi derivati, come il formaggio, lo yogurt o gli alimenti trasformati che hanno tracce di latte o formaggio, sono i principali allergeni alimentari che causano reazioni nei bambini.

Per evitare una reazione allergica causata da questo allergene, evitate di comprare o consumare alimenti che contengono proteine in polvere, caseina, siero di latte, idrolizzati o ingredienti con il prefisso “lact”.

Arachide

Un altro allergene alimentare sono le arachidi che causano una delle allergie più comuni.

Le reazioni allergiche alle arachidi sono anche causate da contaminazione incrociata, contatto o inalazione.

Le persone che reagiscono a questo allergene alimentare sono probabilmente allergiche alle noci in generale.

Solfiti

I solfiti sono allergeni alimentari presenti nei conservanti.

Questi composti chimici di zolfo si trovano spesso in prodotti come patate congelate, birre, sciroppi, marmellate o vini

Quindi controlla gli ingredienti di ogni prodotto per assicurarti che sia un prodotto naturale e privo di conservanti come i solfiti.

Uova

Le reazioni allergiche alle uova prendono la forma di un’allergia al tuorlo, all’albume o a entrambi.

Indipendentemente dal tipo di allergia, è meglio evitare di consumare uova, poiché non esiste un metodo preciso per separarle.

L’allergene alimentare nelle uova è di solito l’albumina, ma si trovano anche lecitina, lisozima, ovalbumina, globulina, vitellina, livetina, ovomucina o ovovitellina.

Sedano e i suoi derivati

Il sedano come allergene alimentare è incluso in ogni parte del sedano, così come in molte ricette e prodotti confezionati che usano il sedano come ingrediente.

Cucinare il sedano non significa che cesserà di essere un allergene, quindi è necessario chiedere -quando si ordina un piatto in un ristorante- se questo alimento è stato usato come ingrediente nella ricetta.

Molluschi e prodotti di crostacei

I molluschi come allergeni alimentari includono calamari, cozze, polpi, vongole, lumache, ostriche, seppie, pervinche e altre specie.

Tra la reazione allergica che si verifica con il consumo di crostacei o molluschi, entrambi hanno gli stessi sintomi, ma la reazione dei molluschi è più lieve.

Crostacei

I crostacei includono aragoste, gamberi, aragoste, granchi, gamberi di fiume, gamberi di fiume, cirripedi e altri crostacei.

Le allergie che si verificano quando si consuma uno di questi crostacei sono dovute a una delle proteine che contiene: la tropomiosina.

La tropomiosina è resistente al calore, quindi rimane nei crostacei indipendentemente dal fatto che siano cotti o meno.

Ecco perché questa proteina può causare una reazione allergica con il suo consumo, respirando il vapore della cottura dei crostacei o semplicemente entrando in contatto con essi.

>  Motivi per utilizzare i contenitori di bagassa nel settore della ristorazione

Semi di sesamo

Un altro allergene alimentare che si unisce alla lista sono i semi di sesamo. Questo prodotto è la base dell’olio di sesamo naturale e può essere presente in medicine, prodotti di bellezza o dolci.

Fate attenzione quando comprate prodotti che contengono semi di sesamo, perché sono menzionati negli ingredienti come tahini, spezie o come agente aromatizzante.

Soia e derivati

La soia è un allergene alimentare utilizzato nella produzione di olio vegetale o si trova comunemente nei prodotti in scatola, come alcune zuppe o tonno, cracker, carne o qualsiasi prodotto che include la soia tra i suoi componenti.

Il consumo di soia o dei suoi derivati può causare una lieve reazione allergica, quindi il rischio di anafilassi non è comune.

Non èun’allergia comune negli adulti . Di solito appare nell’infanzia, ma scompare nel corso degli anni.

Lupini e prodotti a base di lupini

Il lupino è una pianta che fa parte della famiglia delle arachidi. Questo significa che chiunque reagisca all’allergene alimentare arachide reagirà anche al lupino.

La farina di lupino è usata come sostituto delle farine contenenti glutine, dell’olio, del caffè o per fare il paté.

Pesce e prodotti ittici

L’allergia al pesce o ai prodotti ittici è dovuta a una proteina chiamata parvalbumina

Come la tropomiosina nei crostacei, è resistente al calore. Questo significa che le persone possono avere reazioni allergiche quando lo mangiano, respirano il vapore o entrano in contatto con il pesce.

Oltre a non mangiare le varie specie di pesce, è importante non mangiare brodi di pesce, oli di pesce o farina di pesce.

Senape

Anche se non sembra, la senape è un allergene alimentare ed è presente in più prodotti di quanto si pensi.

La via più comune di una reazione allergica alla senape è l’ingestione, ma alcune persone hanno avuto un’allergia per contatto o inalazione.

Fate attenzione quando comprate condimenti, guarnizioni, marinate, salse o spezie . È un elemento comune in questi prodotti.

Frutti secchi

I frutti secchi come allergene alimentare includono noci, mandorle, nocciole, pistacchi e anacardi.

Le reazioni allergiche si verificano attraverso il contatto diretto con la pelle o l’inalazione di particelle che li contengono.

Più che evitare il consumo diretto bisognerebbe evitare anche gli oli fatti con qualsiasi noce o i prodotti che ne contengono tracce.

La legislazione spagnola sugli allergeni alimentari

La legislazione spagnola ha creato una tabella composta da 14 allergeni alimentari e ognuno ha un simbolo che permette di identificarlo facilmente.

Nel Regio Decreto 126/2015 si contempla la legge sull’informazione alimentare.

Questa legge promuove che tutti i lavoratori del settore alimentare sono tenuti a indicare ai consumatori, in modo chiaro ed esplicito, la presenza di allergeni alimentari nei loro piatti o prodotti.

Inoltre, il testo legale indica quali simboli di allergeni sono usati sulle confezioni per avvisare i consumatori e i dati obbligatori come la data di scadenza.

Se il prodotto ha oli tra i suoi ingredienti, deve essere indicato il tipo di olio utilizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BASIC DATA PROTECTION INFORMATION

Responsible: Envalia Group, S.L.

Purpose: Gestionar las solicitudes realizadas a través del sitio web, enviar comunicaciones comerciales y, en su caso, compras en línea.

Legitimation: Consentimiento del interesado.

Recipients: Los datos sólo se transmiten a los proveedores que tienen una relación contractual con Monouso.

Rights: Acceso a, Corrección, cancelación, oposición y otros derechos como se explica en la “Información adicional”.

Additional information: You can find additional and detailed information on data protection in our privacy policy